Annunci

Segnalazione: Ilenia Bernardini – Ciak e… Amore!

Lettrici e lettori di Leggere ti salva,

ecco a voi una nuova segnalazione. Oggi voglio presentarvi questo romanzo:

CIAK E… AMORE! di ILENIA BERNARDINI

155f931e-f9dd-4cde-94f9-6908d0d90f9b

Trama: Blair Monroe è una ragazza semplice, dedita al suo lavoro come sceneggiatrice, ma spesso si dimentica che potrebbe avere anche lei una vita, come i personaggi che crea per le serie tv. Chuck Sinclair è il classico uomo di successo, bello, arrogante e sicuro di sé; è lo scrittore di gialli più in voga del momento, per questo motivo è abituato a stuoli di donne ai suoi piedi, e soprattutto è difficile che abbia un No come risposta.
Le loro vite s’incontreranno nell’ufficio di Mr. Jones, il produttore televisivo. Pronti ad odiarsi e a farsi la guerra, saranno costretti a lavorare insieme, per perfezionare l’ultima sceneggiatura di Blair. Sarà una lotta senza esclusione di colpi, dove anche il cuore e la testa dovranno lottare tra di loro. La posta in gioco è molto alta, e Blair non vuole ricadere negli errori commessi in passato. Per Chuck varrà la pena di lasciarsi andare? E cosa succede se, proprio mentre Chuck sembra riuscire ad abbattere quei muri che lei alza, si intromettesse Seth, un uomo affascinante e raffinato? Chi riuscirà a fare breccia nel cuore di Blair? Quando cuore e testa riusciranno a guardare nella stessa direzione, sarà troppo tardi?

Autore: Ilenia Bernardini

Titolo: Ciak e… Amore!

Casa editrice: Self Publishing

Prezzo: € 0,99 (Ebook) / € 6,50 (Caartaceo)

Pagine: 112

Genere: Romanzo rosa

L’AUTRICE

Ilenia Bernardini nasce a Rimini l’11 ottobre 1988, ma vive in provincia di Pavia, con suo marito Marco e due cani. Ha iniziato ad appassionarsi alla lettura fin da piccola, diventando presto una divoratrice di libri. Ama i romanzi a lieto fine, da eterna romantica qual è. Dopo aver aiutato come lettrice beta altre giovani autrici, ha deciso di mettersi alla prova con la scrittura. “Ciak e… Amore!” è il primo romanzo auto pubblicato.

* ESTRATTO *

Me la richiudo alle spalle, non faccio in tempo a fare un passo che mi si para davanti questo pezzo di manzo incredibile: mai visti degli occhi così caldi, color Nutella, sono proprio ipnotizzanti. Ma non ha solo gli occhi belli, è tutto ben messo: capelli corti e pettinati con le mani, naso dritto e non troppo grande, labbra carnose da baciare, grandi spalle e, sono sicura, fisico scolpito sotto al maglioncino nero. Lo sto scrutando proprio per bene e mentre fantastico sul sedere che non vedo, il manzo in questione apre la bocca: “Adesso che ha finito di sbavare sul mio corpo, pensa di poter fare il lavoro per la quale è pagata? Avevo appuntamento col suo datore di lavoro ben 10 minuti fa! Lei è l’assistente meno competente sulla faccia della terra, l’ha assunta solo perché è una ragazza carina? O per le sue abilità, diciamo linguistiche?!”.
Fermi tutti, ma chi diavolo è questo stronzo! “Cafone ignorante, io non sono l’assistente, men che meno la Monica Lewinsky della situazione! Stavo semplicemente andando in bagno, e se lei mi facesse il piacere di levarsi dai piedi, potrei andarci! Ma te guarda che cretino!”. Lo allontano con uno spintone e mi avvio. Ma che giornataccia!
Arrivo al bagno e mi rinfresco la faccia con l’acqua fredda, devo calmarmi: azzardo lo sguardo allo specchio e quasi mi spavento. Sono tutta rossa, l’espressione da cane rabbioso non mi dona assolutamente. Provo a ricordare la respirazione zen, una lezione di yoga di un anno fa servirà pure a qualcosa, e che cavolo!
Dopo due minuti penso di essermi calmata abbastanza da poter ritornare da Mr. Jones, mentre passo davanti alla segretaria Natalie, noto che è sola alle prese con il telefono. Apro la porta e la scena che mi si presenta davanti mi fa rizzare tutti i peli che ho sul corpo: cosa ci fa qui dentro il cafone ignorante?
Guardo Mr. Jones che mi sta facendo cenno: “Venga Blair, prenda quella sedia là. Le volevo presentare il signor Sinclair, uno dei giallisti più bravi in circolazione”. Resto imbambolata sulla porta, perché il capo dovrebbe presentarmelo? Cosa c’entra con me? Guardo Serena in cerca di risposte, ha lo sguardo abbattuto, cattivo segno.
Prendo la sedia e mi avvicino, mentre Mr. Jones parla con il mio incubo “Lei è la nostra Blair Monroe, la sceneggiatrice di alcuni nostri successi; ma bando alle ciance, siamo qua per parlare di affari. Blair, come dicevo a Serena poco fa, la sceneggiatura è ottima, mentre per quanto riguarda le indagini beh, sono un mezzo disastro. Come nel manoscritto precedente, manca l’elemento di pathos, qualcosa che attiri lo spettatore maschile, e ho avuto un’idea brillante. Ho invitato il sig. Sinclair a questo appuntamento per proporgli una collaborazione: voglio vedervi lavorare insieme! Lui può aiutare a riscrivere la parte investigativa, sempre sotto la sua supervisione. Il format funziona, ma noi puntiamo sempre alla vetta. Che dite?”
Sono senza parole. Cioè fatemi capire bene: io dovrei lavorare con un pezzo di manzo arrogante che pensa che sia un’esperta di servizietti orali? Sono in un incubo, qualcuno mi svegli! Serena viene in mio soccorso, mi stringe un ginocchio e inizia a parlare: “Mr. Jones vedrà che la nostra Blair riuscirà a collaborare con il sig. Sinclair, ne sono certa!”. Traditrice.
E lui? Seduto comodamente con una caviglia sul ginocchio dell’altra gamba, ha un sorrisino beffardo. Sto per parlare quando Mr. Jones gli chiede se allora accetta. Inizio a pregare tutti i santi, spero che rifiuti, ma è un uomo, figuriamoci se mi dà una soddisfazione! “Mr. Jones accetto con piacere! Ma basta formalismi, mi dia pure del tu, mi chiami Chuck!”
Mi alzo in piedi di scatto e inizio a balbettare “No no, fa-fatemi capire. È uno scherzo vero?! Si chiama Chuck, siamo su candid camera?! Dobbiamo scrivere un telefilm o fare un revival di Gossip Girl?!”. Non poteva andare peggio di così!

Annunci
Piaciuto l'articolo? Condividilo!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: