[Oggi parliamo di…] Nasceva 135 anni fa Franz Kafka

[Oggi parliamo di…] Nasceva 135 anni fa Franz Kafka

Franz Kafka, nato il 3 luglio 1883 a Praga nei territori dell’Impero austro-ungarico, è ritenuto una delle maggiori figure della letteratura del XX secolo.

Primo di sei figli, Kafka vide morire prima i suoi due fratelli quando lui non aveva ancora 7 anni, poi le tre sorelle, vittime tutte della Shoah.

Dal 1889 al 1893 , frequentò una scuola elementare tedesca. Anche avendo ricevuto un’educazione ebraica, non mostrò mai interesse per la sinagoga.

Successivamente fu ammesso in un rigoroso liceo classico. Nonostante la sua lingua d’istruzione fosse il tedesco, Kafka scriveva anche in ceco. Dopo la maturità, avvenuta nel 1901, studiò giurisprudenza e, dopo il primo anno di studi, conobbe Max Brod. Ottenne il titolo di Dottore di legge il 18 luglio 1906 a cui fece seguito un anno obbligatorio non retribuito come impiegato per il tribunale civile e penale.

Nel novembre del 1907 venne assunto presso le Assicurazioni Generali, a Trieste, ma si dimise otto mesi dopo a causa degli orari lavorativi che gli lasciavano pochissimo tempo da dedicare alla scrittura, attività che stava prendendo sempre più piede nella sua vita.

Franz Kafka non si sposò mai: secondo il suo amico Max, lo scrittore era tormentato dal desiderio sessuale. Per la maggior parte della sua vita adulta, frequentò bordelli e si interessò alla pornografia. Provava disgusto per il proprio corpo ed esprimeva lo stesso senso di ripugnanza nei confronti dell’amore sessuale. Secondo lo scrittore, era un qualcosa di sporco e riduceva l’uomo all’animalità. Tutti questi suoi comportamenti, fecero ipotizzare che soffrisse di disturbi alimentari (anoressia nervosa) legati al suo aspetto fisico e di disturbo ossessivo-compulsivo.

Nel 1912 conobbe Felice Bauer, una parente del suo amico, del quale si innamorò. Tramite il loro scambio di lettere, Kafka apriva il suo cuore. Combatteva, però, tra il desiderio di sposarla e la convinzione che questa unione fosse la sua rovina e un ostacolo alla sua libertà di scrivere.

Nel mese di agosto del 1917, gli fu diagnosticata la tubercolosi e si trasferì per alcuni mesi nel villaggio boemo di Zeran. In seguito, definì quel periodo come forse il migliore della sua vita, probabilmente perché privo di responsabilità.

Nella primavera del 1920, iniziò una corrispondenza con la giornalista Milena Jesenská, moglie di Ernst Pollak e traduttrice in ceco di molti suoi racconti. Nacque un amore intenso e tormentato, come scrisse poi in Lettere a Milena.

Malgrado i tanti tentativi di porvi rimedio con soggiorni climatici, la sua tubercolosi peggiorò. Dopo essergli stata diagnosticata anche una laringite tubercolare, morì a Vienna il 3 giugno 1924, a soli 41 anni. Il suo corpo fu riportato a Praga, dove venne cremato l’11 giugno 1924, e sepolto nel nuovo cimitero ebraico di Praga.

Sconosciuto durante la sua vita, divenne famoso subito dopo la sua morte.

Piaciuto l'articolo? Condividilo!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: