Annunci
[RECENSIONE #59] Traveling Love di Antonella Maggio, edito Darcy Edizioni

[RECENSIONE #59] Traveling Love di Antonella Maggio, edito Darcy Edizioni

Non esiste cosa peggiore nella vita di regredire alle origini.

Antonella Maggio | Traveling Love. Dall’altra parte del mondo con te | Darcy Edizioni | € 14,00 (cartaceo) – € 2,99 (eBook) | Pag. 250 | Commedia romantica 

Vedi su Amazon.it

Adele Castelli ha quasi trent’anni e una costellazione di fallimenti alle spalle. Divorziata, disoccupata e con una famiglia che si accanisce contro i suoi errori, l’unica salvezza di Adele è quella di fare la valigia e accettare il lavoro che le hanno offerto in Australia, sperando che dall’altra parte del mondo possa finalmente far fortuna e trovare l’amore con qualche straniero che le faccia dimenticare quanto siano sbagliati gli uomini italiani. Luca Accardi lavora per una multinazionale ed è felicemente single. Cambia residenza e donna senza problemi ogni volta che ha un ingaggio nuovo. La carriera viene sempre prima di tutto, anche prima di se stesso, prima della felicità che non riesce mai a toccare con mano. Luca e Adele, a quanto pare, sono gli unici italiani che lavorano per conto della K-Byte Entreprise di Sydney. Il mondo appare davvero troppo piccolo se a 16.216 km dall’Italia Adele finirà per incontrare proprio quello da cui scappava…

LA MIA OPINIONE

Cosa fai quando tutto va storto e hai una proposta di lavoro a migliaia di chilometri da casa? Accetti! Così ha fatto Adele: con un matrimonio fallito alle spalle e senza un lavoro, Adele è bersaglio delle critiche dei familiari. La sua pazienza termina quando la nonna comincia a criticarla e, quasi, a offenderla. In quel momento, capisce che deve andare via da casa dei suoi genitori e accettare il lavoro che le è stato proposto in Australia. Solo così potrà davvero ricominciare e far vedere quanto vale.

Un lavoro dall’altra parte del mondo senza neppure un colloquio? [..] Come se fosse fattibile trasferirsi così dalla mattina alla sera in Australia, mi sono detta, ma dopo questo dannato pranzo con la nonna, la possibilità di fare i bagagli e andare via da casa definitivamente sembra molto più fattibile di quanto mi sarei immaginata.

Luca è fidanzato con Greta, convivono, ma lui non ne è innamorato. Anzi, vorrebbe scappare da quell’inferno. Così, quando gli viene offerto di andare in Australia per lavoro, coglie la palla al balzo e parte. In fondo, nel suo lavoro lui ha sempre viaggiato ed è sempre stato fuori mesi interi.

Il mio lavoro può considerarsi a tutti gli effetti un’arma a doppio taglio e non è mai facile, una volta abituati a un luogo, rimettere tutto in valigia e ambientarsi altrove ma, in questo momento, Sydney mi pare una vera e propria benedizione.

Le strade di Adele e Luca si incrociano subito: lui è stato trasferito alla K-Byte Entreprise, lei fa la segretaria lì. Adele non si presenta come un’italiana ma, anzi, si presente in lingua inglese facendo credere di essere del luogo. Questo crea un malinteso e Luca è vittima di una gaffe di cui avrebbe felicemente fatto a meno.

Il loro rapporto si va, man mano, approfondendo, considerando che lavorano insieme, abitano vicini e condividono la macchina per il tragitto casa-lavoro. Fino a quando una chiamata dell’ex marito di Adele stravolge tutto. Una chiamata che fa ripiombare la nostra protagonista in un passato del quale sta cercando di liberarsi.

Il romanzo di Antonella Maggio è leggero, fresco, simpatico, adatto a queste giornate estive. L’alternanza delle voci dei protagonisti, Adele e Luca, è una cosa che ho apprezzato molto. L’apprezzo in tutti i romanzi perché ti da modo di conoscere meglio le dinamiche, le sensazioni e le emozioni dei protagonisti. Il lettore si ritrova a conoscere a fondo entrambi: Adele è insicura, sembra quasi allergica agli uomini italiani essendo segnata da un matrimonio fallito, senza l’appoggio dei familiari se non di sua sorella Carmen e con una voglia di riscatto che la fa andare via dalla sua terra. Luca è il classico ragazzo che non ha voglia di impegnarsi, non sa cosa sia l’amore non essendosi mai innamorato e vive per il suo lavoro: questo infatti viene prima di tutto, anche di se stesso. A differenza di Adele, lui va via spesso dalla sua terra perché il suo lavoro gli impone vari viaggi. Ma quando le loro strade si incrociano, devono ricredersi: Adele, anche non volendo, è costretta a pensare che forse non tutti gli uomini italiani siano uguali; Luca, invece, per chiarirsi le idee su nuove sensazioni mai provate è costretto a chiedere aiuto al suo migliore amico.

Il libro mi è piaciuto molto, mi ha regalato qualche ora spensierata e divertente, e devo dire che amo la copertina, la trovo adatta e molto estiva. Avrei preferito, però, che l’autrice avesse approfondito la storia del matrimonio. Vi spiego: quando ad Adele arriva la chiamata del suo ex marito, lei è in compagnia di Luca e scoppia a piangere in modo davvero surreale, tanto da lasciare anche Luca sbigottito. Il lettore si ritroverà a chiedersi per quale motivo: nel romanzo viene spiegato dalla protagonista che il divorzio le è costato molto, che per togliersi in modo rapido il marito di torno ha rinunciato al mantenimento, che non ha voluto assolutamente nulla da lui. La cosa che viene spontanea chiedersi è: perché? Perché tutta questa ansia anche solo sentendo il suo nome?

A parte questa parte che io avrei preferito che fosse approfondita, vi consiglio la sua lettura. Un romanzo fresco che vi terrà compagnia in queste giornate calde.

Nel release day di questo romanzo, c’è anche il primo capitolo: se volete leggerlo e farvi incuriosire cliccate QUI.

Acquista su Amazon.it

Clicca qui per acquistarlo tramite il mio link di affiliazione.

 

 

Annunci
Piaciuto l'articolo? Condividilo!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: