Annunci
[RECENSIONE] Paradiso assassino di Fabio Trombetti

[RECENSIONE] Paradiso assassino di Fabio Trombetti

Ci sono situazioni , nella vita, in cui una scelta giusta non porta a soluzioni concrete, e una decisione illogica, per contro, è quella che mette a posto la coscienza.

Fabio Trombetti | Paradiso assassino | Nep Edizioni | € 16,00 | Pag. 145

Paradiso è un villaggio alpino che conta pochissime anime. A fine ottobre, insolita per il periodo, una tormenta di neve lo isola, ed è in queste circostanze che Nico, un giovane venuto da lontano alla ricerca di una serenità perduta, si troverà catapultato in un mistero che si fa via via più fitto. Nel susseguirsi di eventi inspiegabili, perderà di vista il già labile confine tra incubo e suggestione, mentre i segreti inconfessabili di Paradiso verranno giù uno dopo l’altro, lenti e silenziosi come la neve, quella che accompagnerà i protagonisti fino a rivelare una realtà taciuta e inimmaginabile. Tra amore, gelo, confidenze e colpi di scena, Nico dovrà decidere sin dall’inizio di chi potersi fidare e da chi guardarsi le spalle…

LA MIA OPINIONE

Nico fugge da tutto: lavoro, una storia finita male, dalla sua terra. Per cercare di chiarirsi le idee e ritrovare una serenità perduta, si reca a Paradiso, un villaggio in montagna, a 2.166 mt.

Arrivato al circolo per ritirare le chiavi, fa la conoscenza di Astrid, figlia di Franz, il proprietario. La casa affittata appartiene a Lilith, figlia di Aron O’Doherty, morto anni prima. Ma fin da subito, si sente a disagio, come se non dovesse essere lì, come se non fosse il benvenuto.

Tutto intorno era tetro, sporco, e il rintocco di quell’orologio a cucù, che prima nemmeno sentiva, lo avvertiva come una minaccia. Un monito, anzi: “Vattene, non sei il benvenuto!”

Decide così di ripartire subito, inventando una scusa, ma la tormenta di neve isola il villaggio e lo blocca lì.

Quelli che seguiranno saranno giorni in cui dovrà guardarsi le spalle, chiedersi cosa nasconda un paesino così piccolo, quale siano i segreti inconfessabili. Non sa ancora che tutto ruoterà intorno alle persone appena conosciute.

Paradiso assassino è un romanzo breve, che conta meno di 150 pagine. Nonostante sia scorrevole, di piacevole lettura, con colpi di scena interessanti e incuriscisca il lettore, il risultato è di un romanzo poco strutturato e poco approfondito. I personaggi, invece, risultano ben definiti. Probabilmente, è proprio questo contrasto quello che più si nota: personaggi ben strutturati, ma poca struttura per farli emergere al meglio.

Come ho già avuto modo di dire all’autore, il libro mi è piaciuto ma lo avrei preferito con più approfondimenti, in modo da entrare del tutto nella storia.

Ambientato a Halloween, credo che sia perfetto per chi è alla ricerca di una lettura veloce e a tema.

Prodotto fornito da Fabio Trombetti

Link Amazon cartaceo: https://amzn.to/2ItJTrr

Link Amazon eBook: https://amzn.to/2Mj4wrB

Annunci
Piaciuto l'articolo? Condividilo!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: